Associazione di Giornalismo Investigativo
GIORNALISMO INVESTIGATIVO
 
Associazione di Giornalismo Investigativo
Presentazione
Il direttore
Comitato scientifico
Docenti
Percorso formativo
Iscrizione
Bando
Domande frequenti
Borse di studio
Contatti
Sede
Calendario
Ex-allievi
Stage
Sconti
Tessera AGI
Giovanni Spampinato
Google Gruppi
Iscriviti alla nostra mailing list
Email:
emagister 
Gruppo Facebook AGI

Il nostro gruppo su Facebook

Iscriviti!

Qui sotto sono inseriti i giudizi sul Master di alcuni degli allievi della prima edizione del Master di giornalismo investigativo (tenutasi ad Urbino e terminata il 19 gennaio 2007) della terza edizione del Master di giornalismo investigativo tenutasi a Milano nel 2008 e della quarta edizionedel Master di giornalismo investigativo tenutesi a Roma e a Milano nel 2009-2010. Speriamo che possano essere utili a fornire una maggiore informazione sugli obiettivi formativi ed i risultati raggiunti dalla nostra didattica.


Federica Santoro (edizione romana - 2009)

Sono pugliese e vivo a Roma da 4 anni. Ho vinto la borsa lavoro dell'edizione romana del Master, quindi oltre a seguire le lezioni svolgevo anche dei compiti di tutoraggio.

Sicuramente è stata un'esperienza formativa che consiglio a chiunque voglia imparare le basi per fare una buona inchiesta giornalistica. Per me è stata una bussola. Dopo anni di esperienze saltuarie di redazione, l'incontro con professionisti stimati in tutto il mondo come Loretta Napoleoni, Dennis Redmont, Otello Lupacchini mi ha permesso di confrontarmi con loro su questioni d'attualità e ha rappresentato, a 26 anni, un nuovo punto partenza.

Antonella Graziani (edizione romana - 2009)

Ho 24 anni e sono laureata in Lingue Moderne nell'Università di Urbino. Dopo qualche collaborazione in testate locali  ho scelto di seguire un percorso specifico approfondendo il campo delle inchieste. E' stata una scelta ben ponderata sia per il peso economico sia per il rischio che le mie aspettative potessero essere tradite. Ma è una scelta che rifarei. Questo Master mi ha permesso di misurarmi con professionisti del giornalimo d'inchiesta e con i loro metodi di lavoro. L'alto numero di professionisti incontrati  ha inoltre permesso di ampliare i miei punti di vista sia sul metodo che sull'analisi dei fatti. Li ringrazio non solo per il bagaglio di competenze che hanno voluto trasmetterci ma soprattutto per l'umanità e la fiducia che ci hanno dimostrato. E' stata fondamentale in questo percorso la  conoscenza dei miei colleghi di corso con i quali sono riuscita a condividere una crescita umana, professionale e tanti momenti di allegria e sostegno. Insieme siamo stati capaci di continuare a credere che un bravo giornalista può davvero cambiare le cose. 

Giacomo Pacini (edizione romana -2009)

Pur non essendo un giornalista, ma un ricercatore in Storia Contemporanea, ho trovato il Master di utilità estrema.
Il rigore di gran parte delle lezioni, infatti, dimostra una volta di piu' come, tra l'attività scientifica di uno storico e la divulgazione di un giornalista non vi sia alcuna opposizione di principio. Gran parte degli accademici rifiutano il cosiddetto uso pubblico della storia, ma se uno storico non riesce a comunicare al di fuori della ristretta cerchia dei professionisti della materia finisce col produrre lavori socialmente inutili. Mentre, come ha insegnato il Master, non è necessario usare un linguaggio involuto e volutamente oscuro per essere scientificamente corretti.

Filomena Grimaldi (edizione romana-2009)

Mi chiamo Filomena Grimaldi e sono casertana.  Sono giornalista pubblicista e avendo già esperienze lavorative nel settore e  scrivendo per Il Mattino, sono arrivata a questo Master già con un'infarinatura generale su quelli che sono i primi  “ferri del mestiere”, ma questo Master mi ha permesso di allargare non solo le mie conoscenze in merito, ma mi ha dato gli strumenti per poter operare su un giornalismo diverso da quello che può essere la cosiddetta “notizia del giorno prima” data in fretta e senza alcun approfondimento. Oggi posso affermare di essere in grado di poter affrontare un'inchiesta giornalistica e, grazie ad un ottimo modulo del corso sulle fonti, so perfettamente dove andare a cercare cosa, chi e come gestire una fonte. L'altissima qualità dei docenti, l'opportunità di poter apprendere le metodologie che ruotano intorno al mondo del giornalismo investigativo con l'alternarsi di lezioni teoriche e pratiche sono, a mio avviso, il fiore all'occhiello di questo Master; un Master unico nel suo genere in Italia e che, proprio per questo motivo, permette di avere delle competenze e un Curriculum che si differenziano dalla massa creando ulteriori opportunità di lavoro. La qualità delle lezioni, i rapporti di amicizia stretti tra noi allievi e i docenti mi hanno permesso di superare quel piccolo sacrificio che poteva essere fare su e giù da Roma ogni fine settimana; cosa che rifarei. Ciliegina sulla torta sono gli stage presso le più importanti testate nazionali. Un'esperienza formativa che consiglio vivamente a tutti.

Margherita Pagani (edizione milanese-2009)

Mi chiamo Margherita, ho 23 e vivo a Pavia. Dopo essermi laureata presso l'Università di Pavia in lettere moderne e prima di iscrivermi ad una scuola di giornalismo - non avendo alcuna esperienza giornalistica alle spalle - ho deciso di frequentare il "Master di giornalismo investigativo e analisi delle fonti documentarie" c/o Milano. Ritengo sia stata un'esperienza interessante e, nel complesso, valida: i docenti, un gruppo di giornalisti e professionisti di vari settori, mi hanno permesso di conoscere un mondo a me quasi estraneo e soprattutto di approfondire, tramite le loro esperienze, tematiche di attualità. Inoltre tutto questo mi ha permesso di entrare in contatto con personalità che si sono rese disponibili per aiuti e consigli futuri. Quindi il mio giudizio sul Master, tralasciando qualche piccolo problema organizzativo e logistico, è assolutamente positivo!

Luca Rappazzo (edizione milanese-2009)

Mi chiamo Luca Rappazzo, ho 25 anni e mi sono recentemente laureato in scienze politiche curriculum storia contemporanea nell'università degli studi di Milano. Questo Master è stato il naturale sbocco dei miei studi,  ho potuto apprendere nuovi strumenti di ricerca, esaminato diversi aspetti di attualità e avuto spunti nuovi per futuri approfondimenti. In particolare è da elogiare la qualità dei docenti e la possibilità di conoscere colleghi di corso che hanno diverse esperienze professionali con una passione in comune verso il mondo del giornalismo. A parte qualche piccolo disguido in ambito organizzativo, di facile risoluzione, il mio giudizio su questo Master è assolutamente positivo.

Martina di Matteo (modulo videogiornalismo edizione romana-2009)

Mi chiamo Martina Di Matteo, ho 22 anni e ho frequentato il modulo di videogiornalismo d'inchiesta del 2010.
Il giornalismo, purtroppo, non è sempre come ce lo immaginiamo. Io ho iniziato alcuni anni fa a lavorare come presentatrice di un tg di un'emittente locale. Ne rimasi piuttosto delusa; forse anche a causa della mia giovane età e dall'irruenza e l'idealismo, che questa implica, che mi spinsero ad abbandonare quel lavoro che inizialmente mi sembrava un'occupazione "sociale" e poi cominciò a sembrarmi un "lavoro d'ufficio" come tanti altri. Il Master invece, grazie anche alla competenza e alla passione delle persone che hanno tenuto i corsi, ha riacceso in me quella voglia di raccontare. E soprattutto mi ha ricordato che il giornalismo non è solo raccontare quello che si può o si vuole raccontare, ma è principalmente raccontare soprattutto quelle realtà che nessuno ha il coraggio di raccontare e/o affrontare, che è quello che poi fa la differenza.

 

Elena Fouzier Cayla (modulo videogiornalismo edizione milanese-2009 )

Mi chiamo Elena Fuzier Caylav, ho 24 anni e dal 22 maggio al 6 giugno 2010 ho frequentato il corso in “Giornalismo d'inchiesta televisivo” organizzato dall'AGI all'interno del Master in giornalismo d'inchiesta. Il corso si articolava lungo i weekend, il che lo rendeva particolarmente pratico e comodo. Devo dire che il mio giudizio su questo corso è molto positivo: ho deciso di frequentarlo in vista di un viaggio che devo fare in Sud Africa e per il quale volevo apprendere qualche nozione riguardante le principali tecniche di ripresa e montaggio dei filmati; in tal senso le lezioni di Sabrina Giannini (giornalista di “Report”) sono state estremamente utili e hanno soddisfatto pienamente le mie aspettative. Insieme alla Giannini abbiamo formulato delle ipotesi per delle inchieste realizzabili in breve tempo; una volta decisi gli argomenti su cui concentrarci, ci siamo divisi in gruppi di 3-4 persone: in questo modo ognuno di noi ha avuto modo di fare pratica con la telecamera, il microfono, la spy-pen e il software “Final cut” per montare i vari filmati che avevamo realizzato. Anche se il corso si svolgeva nei weekend, di fatto tutti noi, o quasi, abbiamo lavorato a queste inchieste anche durante la settimana e anche questo si è rivelato utile: abbiamo avuto modo di lavorare per conto nostro, di sperimentare, per poi, il venerdì successivo, ricevere importanti consigli e critiche su quello che avevamo fatto da soli durante la settimana. Infine, l'ultima lezione del corso era tenuta da Andrea Cairola, giornalista di “Vanguard”: in quest'occasione ci siamo concentrati su come si programma e si realizza un'inchiesta all'estero. Cairola ci ha spiegato i principali rischi da tenere in considerazione, l'attrezzatura che ci si deve portare appresso e, cosa estremamente interessante, ci ha fatto vedere degli estratti video di alcuni documentari o alcune in chieste per spiegarci le varie tecniche che si utilizzano a seconda della situazione in cui ci si trova a lavorare: per esempio, alcune inchieste erano state realizzate quasi interamente con l'uso delle telecamere nascoste, altre invece prevalentemente con interviste o comunque senza necessità di nascondere la videocamera.

In conclusione ho trovato questo corso molto utile e interessante e, per questo, lo consiglio vivamente a chiunque voglia intraprendere questa professione, anche perché sia Sabrina Giannini che Andrea Cairola, oltre a darci importanti consigli, si sono rivelati estremamente disponibili, mettendoci così a nostro agio fin dall'inizio.

Giusy Baioni(edizione 2008)

Mi chiamo Giusy Baioni e, dopo la solita gavetta nei giornali locali, ho scelto la difficile, ma affascinante strada da freelance, dedicandomi in particolare agli esteri. Ho frequentato il Master nell'edizione 2008 e sono contenta della scelta, poiché i docenti (giornalisti o professionisti di vari settori) mi hanno insegnato molto e soprattutto mi hanno fornito strumenti per lavorare meglio e in maniera più approfondita. Se ne giova la mia lettura della realtà e - spero - anche la qualità del mio lavoro. In sintesi, un ottimo investimento.

Michela Nava (edizione 2008)

Mi chiamo Michela Nava, ho 29 anni, da dieci lavoro come corrispondente per un quotidiano locale a Sondrio. Ho scelto di fare questo Master per allargare i miei orizzonti, professionali e non, e sperimentare un giornalismo diverso, che prediliga l'approfondimento sull'urgenza (e spesso la fretta) del “dare la notizia”. Ho trovato l'esperienza molto valida, sia per la qualità degli insegnamenti, sia per la possibilità di confrontarsi con giornalisti che vivono il mestiere, “sporcandosi le mani”. Mi è stato molto utile, inoltre, conoscere e frequentare colleghi che, come me, sono interessati a un giornalismo di indagine e di inchiesta.

 

Stefano Zoja (edizione 2008)

Dopo la specialistica in cinema e televisione ho avuto qualche esperienza nella comunicazione d'intrattenimento. Presto però mi sono rivolto al giornalismo, dove ho finito per lavorare nella scrittura e nel video, da freelance e non. Per completare la mia formazione in questo campo, oltre al Master in giornalismo investigativo da poco concluso, ne sto frequentando un altro in giornalismo internazionale a Londra, che è ancora in corso. La sorpresa è stata nell'accorgermi presto di come i contenuti del Master in giornalismo investigativo fossero più stimolanti rispetto a quelli del corso londinese. La varietà degli insegnamenti e l'assoluto valore di alcuni docenti mi ha lasciato, come minimo, una grande quantità di spunti. Ma altrettanto voglio ringraziare i miei compagni-colleghi: il confronto con tanti di loro, nelle pause-pranzo e oltre, è stato uno degli aspetti migliori del Master stesso.

Margherita Stradella (edizione 2008)

Ho 26 anni e vivo a Milano. Mi sono laureata in Scienze Storiche nel maggio del 2008 e attualmente collaboro con il quotidiano milanese “Cronaca qui”. Grazie al Master in “Analisi delle fonti documentarie e giornalismo investigativo” sono entrata in contatto con docenti e professionisti di alta qualità ed ho definitivamente capito che il mio futuro è nel giornalismo (o almeno così spero!). Il mio giudizio sul Master, a parte qualche problema organizzativo che si è presentato nel corso di questi sei mesi, è senza dubbio positivo.

Marco Clarizia (edizione 2008)

Ho 31 anni, sono giornalista pubblicista e dal 2007 vivo a Milano. Mi sono trasferito dalla Campania per lavorare come giornalista e maturare un'esperienza che, viceversa, la piccola città di Salerno non avrebbe potuto garantirmi. In quest'ottica, l'iscrizione al Master in Giornalismo Investigativo e Analisi delle fonti documentarie dell'AGI ha rappresentato uno step importante che mi ha permesso il contatto con diversi professionisti del settore, nonché l'approfondimento critico e giornalistico di grandi tematiche d'attualità. Per quanto riguarda i contenuti del Master sono generalmente soddisfatto, anche se alcuni moduli andrebbero perfezionati; l'impressione però è che l'organizzazione si muova in tal senso, continuamente alla ricerca di feedback sulla qualità delle lezioni.

Silvia Cravotta (edizione 2008-modulo di analisi investigativa)

Il mio giudizio sul corso di Analisi investigativa è molto buono sia riguardo agli argomenti affrontati che ai docenti scelti per trattarli. In alcuni casi è capitato di affrontare le questioni da un punto di vista un po' troppo teorico (almeno per dei giornalisti professionisti) ma in generale le informazioni e gli strumenti forniti si sono rivelati molto utili. Credo che per mantenere un corso di questo livello, anche nel futuro, sia necessario puntare su insegnanti di spessore come quelli dell'anno passato.

Federica Zoja (edizione 2008-modulo di analisi investigativa)

Ho trovato di grande interesse tutte le discipline proposte, ma in particolare ho apprezzato l'offerta formativa di Guido Salvini e Mauro Falesiedi per metodo, contenuti e organizzazione didattica.
Approfondita e dettagliata quella relativa ai sistemi criminali 2, evidentemente preparata con cura, e interattiva con simulazioni di indagine la lezione di economia dei sistemi criminali.
L'intero modulo mi ha fornito spunti di approfondimento personale che sto sfruttando e sfrutterò anche in futuro nella professione.

Raffaella Parisi (edizione 2008-modulo di analisi investigativa)

Un corso impegnativo per la diversità delle materie e l'intensità dell'orario.

I docenti sono stati esaurienti e precisi nella loro esposizione.

Ho apprezzato in modo particolare la lezione di Guido Salvini che ha esposto gli argomenti in modo chiaro e dettagliato.

Luca Chianca (edizione Urbino)

Ho 27 anni e vivo a Roma.

Mi sono laureato in Comunicazione Internazionale nel 2004. Nel 2003 ho svolto uno stage presso il TG3 (redazione esteri), realizzando un filmato per "agenda del mondo" in collaborazione con Movimondo Eritrea. Ho svolto per alcuni anni attività di videoreporter con Greenpeace Italia. Nel 2006 ho lavorato in un corso regionale di media education effettuando un laboratorio sull'analisi dei telegiornali. Ho collaborato con Promedia2000, una società di produzione video nella realizzazione di documentari. Collaboro da due anni con "Dentromagazine", un settimanale free press della provincia di Roma e saltuariamente con “Il Manifesto” e “Romaone”. Al termine dello stage di fine Master in “ Analisi delle Fonti documentarie e Giornalismo investigativo” sono stato assunto presso la redazione di “Report”, Raitre, dove attualmente lavoro a tempo pieno. Visto l'esito positivo dello stage, ma in particolare a seguito dell'elevato livello dei docenti incontrati non posso non esprime un giudizio molto positivo sul Master in “ Analisi delle Fonti documentarie e Giornalismo investigativo” .

Antonio Farinola (edizione Urbino)

Ho 23 anni e vivo a Roma da qualche mese. Mi sono laureato nel Luglio del 2005 in Scienze della Comunicazione (Triennale) presso l'Università di Urbino. Ora sono iscritto alla Specialistica in “Editoria e scrittura” de La Sapienza di Roma.

Per quanto riguarda il Master in Giornalismo Investigativo, devo ammettere che inizialmente è stato un “ripiego”, in quanto non sono riuscito ad entrare nelle famigerate “Scuole di Giornalismo”, ma ben presto si è rivelato un'ottima scuola di conoscenza, sia per l'alta qualità dei professionisti che sono venuti a insegnare, sia per i lunghi confronti avuti nelle pizzerie e nei locali di Urbino con i ragazzi del Master. Lo stage finale, almeno per il sottoscritto, è stato il coronamento di una splendida esperienza alla fine della quale sono stato assunto come collaboratore. Vista la qualità del percorso formativo e il risultato finale non posso non esprimere un giudizio positivo sul Master.

Andrea Trentini (edizione Urbino)

Ho 26 anni vivo a Monza e sono laureato in Lettere con l'indirizzo Linguaggi dei Media all'Università Cattolica di Milano. Collaboro con due giornali locali di Monza: “Il Cittadino” e “Monza La Città ”. Ho rapporti di collaborazione anche con un Gruppo Consiliare in Regione Lombardia. Tra esperienze lavorative in passato ho lavorato per l'agenzia giornalistica internazionale “Hpress” che si occupa di problemi legati al sociale (disabilità e povertà) e con il settimanale locale “L'Esagono”. Quando posso mi diverto con le mie passioni di sempre: la musica e la fotografia. Master: Giudico positivamente l'esperienza del Master in “Analisi delle Fonti documentarie e Giornalismo investigativo”: mi ha dato l'opportunità di conoscere professionisti che altrimenti non avrei potuto conoscere, questo ha ampliato i miei orizzonti e i miei campi di interesse, dandomi una visuale diversa rispetto a molti fatti e contribuendo a cambiare l'approccio verso l'interpretazione delle notizie. Il project work finale mi ha dato la possibilità di entrare nella redazione dell'Espresso dove ho incontrato Vittorio Malagutti per discutere del mio lavoro finale. Il fatto di affrontare settimanalmente un lungo viaggio (da Monza a Urbino sono 4 ore), in compagnia di due miei carissimi colleghi Laura e Edoardo, ha contribuito a rendere più forte questa esperienza. A posteriori, nonostante alcuni fisiologici problemi di organizzazione essendo stato il primo anno, credo di poter dare un voto globalmente positivo a questa esperienza.

Laura Laguzza (edizione Urbino)

Mi sono laureata nel dicembre 2005 in Lettere Moderne, con una tesi in Storia Contemporanea. Dal 2000 collaboro con un settimanale locale, occupandomi di sport. Sono pubblicista dal 2002. Ho collaborato con diverse case editrici, occupandomi di turismo e cultura. Ora insegno Italiano, Storia e Geografia in una Scuola Media (si deve pur mangiare…). Grazie al Master in “Analisi delle Fonti documentarie e Giornalismo investigativo” mi sono avvicinata ulteriormente al mondo del giornalismo. Reputo preziosi gli incontri con i giornalisti che hanno tenuto lezioni per il Master. A mio parere hanno dato consigli, suggerimenti importanti per chi, come me, voglia intraprendere questa difficile professione.

Inoltre, sotto la “supervisione” del giornalista di Repubblica Giovanni Maria Bellu, ho effettuato la mia prima (e spero vivamente non ultima) piccola inchiesta intitolata “Leucemia Killer”. Grazie a Bellu ed alla bella lettera di presentazione, sto cercando di pubblicare il mio lavoro.

Perché partecipare al Master? chi è convinto e determinato troverà ancora più stimoli; chi è indeciso e perplesso capirà che non è la sua strada!

Erika Saggiorato (edizione Urbino)

Ho 27 anni e vivo a Padova. Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione nel 2005 con una tesi su “La stampa argentina durante la dittatura militare.” Nel 2002 ho svolto uno stage di 6 mesi presso la redazione spettacoli di Roma de “L'Unità”. Dopo la laurea ho lavorato part-time per 9 mesi in un ufficio stampa, che si occupava prevalentemente di organizzazione di eventi culturali e mostre d'arte e architettura. Contemporaneamente ho lavorato per l'Ong Coopi, sede di Padova, che svolge un lavoro di cooperazione Internazionale con America Latina, Africa e Europa dell'Est e cooperazione decentrata. Da circa un anno lavoro per i quotidiani del gruppo Epolis, per le redazioni di cultura e cronaca, con un contratto di collaborazione. Il lavoro archivistico e di ricerca condotto in Argentina per scovare documenti e informazioni mi ha indotto ad iscrivermi al Master in “Analisi delle Fonti documentarie e Giornalismo investigativo” per saperne di più su storie segrete, inchieste e metodi di analisi. Il Master mi ha permesso di venire a conoscenza di aspetti storici e culturali non approfonditi nel corso degli studi universitari e, grazie all'incontro con validi insegnanti, mi ha offerto una base e uno strumento in più per intraprendere la professione giornalistica. Per il Master ho svolto un'inchiesta sul “Post-indulto in Veneto” con la supervisione del giornalista di Repubblica Gian Maria Bellu.

Gaia Massetti (edizione Urbino)

Lavoro nella redazione della trasmissione Scena del Crimine su Teleroma56. Sono socia dell'ICAA ( International Crime Analisys Association) che cura tantissimi servizi per vari programmi televisivi: RAI SAT, Le IENE etc.....In più, nel tempo libero (INESISTENTE) mi occupo di organizzazione di eventi. Grazie a questo Master ho allacciato relazioni molto interessanti e ho scoperto che il mio campo d'indagine è il mondo criminale e i retroscena che offre.

Fabiana Muceli (edizione Urbino)

Ho 25 anni e vivo a Roma.

Mi sono laureata nel dicembre del 2005 in Scienze della Comunicazione presso l'Università “La Sapienza”, con una tesi riguardante la politica sul web. Passione, per le nuove tecnologie, che continuo a coltivare. Ho partecipato a gruppi di ricerca inerenti la comunicazione politica, successivamente collaborando con la web- radio di Walter Veltroni e con l'Unione per la campagna pre-elettorale indirizzata agli italiani all'estero. Parentesi attualmente chiusa, quella della politica, per inseguire il mio sogno primario. Dal 2002 al 2003 sono stata corsista del Centro-Lab, corso di formazione in Giornalismo autorizzato dalla regione Lazio e diretto da Franco Rina, a cui è seguito uno stage presso “Conquiste del Lavoro”. Dopo la laurea mi sono iscritta al Master in Master in “Analisi delle Fonti documentarie e Giornalismo investigativo”, con stage successivo presso la redazione “RomaOne”. Attualmente lavoro come freelance ad un progetto riguardante un'inchiesta di cronaca nera sotto la supervisione del prof. Cucchiarelli, insieme ad altri due ex-colleghi del Master, Magrin e Farinola. Il giudizio sul Master è positivo, vista l'alta qualità e professionalità dei docenti, oltre al bagaglio teorico e d'esperienza degli stessi, ovviamente di grande spessore.

Silvia Ponzio (edizione Urbino)

Sono giornalista professionista e, dopo anni di redazione, adesso lavoro in prevalenza come freelance. Sono specializzata nel settore tecnico-informatico e collaboro attualmente per alcune testate del gruppo Mondadori e Gruner+Jahr, oltre a scrivere e tradurre libri per Mondadori Informatica/Sperling & Kupfer. È un lavoro che mi lascia poco tempo, ma ho comunque deciso di frequentare il Master in “Analisi delle Fonti documentarie e Giornalismo investigativo”. E non me ne sono pentita. Il sacrificio è stato notevole, non penso di essere mai arrivata puntuale a una sola lezione: finivo al volo un articolo, salivo in macchina e facevo quasi 400 km per presentarmi in aula. Perché mi sono imbarcata in questa avventura rischiando ogni settimana una multa per eccesso di velocità sull'autostrada? Non per masochismo. È stato un modo “rapido” per acquisire conoscenze che non avevo, e per affinare quelle di cui già mi servivo da anni. Il mio obiettivo era “ampliare la mia visuale” ed è quello che ho ottenuto. Adesso ho qualche arma in più da sfoderare alla prima occasione. O meglio, appena ho un attimo di tempo per dedicarmi a tutti i progetti che nel corso del Master ho diligentemente annotato sul mio bloc notes alla voce “da fare”.